Parlano sempre di cibo!

"Non fare del cibo un culto!" - disse Ostap Bender

Mi sembra che la cucina, soprattutto quella nazionale, non sia per nulla legata alla cultura del paese e caratterizzi il paese. La gola e l'eccesso di cibo sono una cosa, ma parlare di cibo è già una cultura e un'arte. Perché, cibo, vino, questi sono temi sacri! Possiamo parlarne il più possibile!

Secondo me, agli italiani in genere piace chattare! E il tema del cibo è assolutamente inesauribile.

E di cos'altro parlare, se non di cibo e clima, che riguarderebbero proprio tutti? In Italia, spesso andiamo fuori di testa per quanto seriamente e per quanto tempo gli italiani possono discutere di FOOD. Si metteranno in cerchio e parliamo di che coda alla vaccinara hanno imparato nella nuova trattoria: "Mario, devi andarci! Ma la teramissa non era buonissima. È tutto perché hanno messo il biscotto sbagliato. Io lo faccio meglio a casa. Aspetta, ti dico io come si fa. Tu prendi le uova..."

Va bene che Mario sia un uomo. In Italia, discutere di questioni culinarie con gli uomini è più del normale. In realtà tornano a casa e cucinano.

Gli italiani sono esigenti in fatto di cibo. Questo non è affatto diete alla moda e il rifiuto di tutto nel mondo. È solo un approccio diverso al cibo. Sono interessati a: di cosa è fatto questo piatto, dove è cresciuto questo carciofo e dove correva questa capra. C'è, ovviamente, il processo di preparazione. Come cucinare esattamente i carciofi, cosa spremere da loro il massimo gusto?

Ogni italiano ha il suo ristorante preferito. Ogni regione ha i suoi tipi di pasta e salse per loro. Ecco perché in Italia non basta vedere cosa c'è nel piatto. Le persone vengono in un ristorante, scelgono un piatto e discutono a lungo con il cameriere sull'origine del cibo, il metodo di cottura e la storia.

Mi piacciono queste conversazioni, inoltre, apprezzo gli italiani per un tale approccio ai piaceri gastronomici.

Ci sono dei buongustai tra voi?

Яндекс.Метрика