Di quali garanzie ha bisogno una banca per ottenere un mutuo in Italia

Cosa vogliono ricevere le banche sotto forma di garanzie per l'approvazione del mutuo? In primo luogo, si tratta di garanzie specifiche della solvibilità del richiedente. La banca o il prestatore vuole essere sicuro che il mutuatario sarà in grado di rimborsare il prestito in rate mensili.

Le banche valutano sempre la solvibilità del cliente. In Italia è stabilito dalla legge che le rate del prestito non devono superare un terzo del reddito mensile del mutuatario, altrimenti riceverai un rifiuto del prestito.

Oltre alla verifica di un prestito, una banca o un istituto di credito in Italia stabilisce ulteriori garanzie, solitamente di due tipi: personali e reali (collateral).

Scopriamo di cosa si tratta.

Le garanzie reali in caso di ipoteca sono essenzialmente una garanzia che garantisce al creditore la possibilità di restituire l'immobile quando il cliente diventa insolvente per l'ulteriore vendita dell'immobile all'asta al fine di restituire il denaro residuo.

Le garanzie personali sono essenzialmente la prestazione di garanti. La persona che ha firmato la fideiussione è una terza parte del mutuatario e assicura la banca che le obbligazioni saranno soddisfatte se il debitore principale non può più rimborsare il prestito.

Il garante, insomma, compare quando il mutuatario non può rimborsare il prestito (mentre in caso di versamenti regolari dei contributi, il garante potrebbe non dover mai intervenire per tutta la durata del contratto). Se si verifica tale situazione, la banca chiama il garante e può richiedergli le somme non pagate specificate nel contratto stesso.

Cosa è importante sapere per il garante.

Il garante risponde come tutti i suoi beni. Qualora sia costituito più di un garante, ciascuno di essi risponde proporzionalmente, pur restando corresponsabile con gli altri garanti. In questo caso, però, il garante non ha alcun diritto sulla proprietà, poiché non ne è il proprietario. Di conseguenza, il garante non potrà detrarre ai fini fiscali gli interessi sul prestito.

Il garante ha deciso di smettere di diventare garante. Spesso il garante è una persona stretta, familiare o parente, collega di lavoro. Il garante si fida del mutuatario e viceversa. Ma quando si verifica una situazione in cui il garante ha deciso di rinunciare alla responsabilità per qualche motivo, la banca deve dare il suo consenso o rifiuto, poiché qualsiasi modifica delle garanzie danneggia la banca. Se necessario, la banca può dare il suo consenso in cambio di una garanzia aggiuntiva fornita dal mutuatario sotto forma di attività aggiuntive.

Яндекс.Метрика