Proprietà di lusso, storica e rara in Italia | Villa Sultana a Ospedaletti | Primo Casinò in Italia

Villa Sultano! Tra gli immobili più lussuosi in Italia e nel mondo, spicca con uno speciale chic Villa Sultana ad Ospedaletti, un edificio monumentale con tre cupole, che un tempo ospitava il primo casinò in Italia. Oggi questa prestigiosa e lussuosa villa di lusso è considerata un monumento storico della cultura del paese e la principale attrazione che i turisti tendono a vedere quando decidono di visitare la famosa località turistica di Ospedaletti.

Oggi è difficile credere che nel 1860 il comune di Ospedaletti fosse solo un villaggio formato da un pugno di case, ma già nel 1871 questo sonnolento villaggio di pescatori si svegliava dal sonno. È stata svegliata dalla compagnia ferroviaria statale Societ? Anonima Ferrovia Alta Italia (SFAI), che insieme al governo del Paese ha avviato la realizzazione di un grandioso progetto di costruzione ferroviaria. Le cose andavano bene e nel 1974 la stazione ferroviaria di Ospedaletti acquistò addirittura un proprio ufficio postale con telegrafo.

La svolta nella storia di Ospedaletti fu il 30 agosto 1880. Fu in questo giorno che la società francese Lyonnaise Soci?t? Foncière decise di sviluppare una piccola stazione ferroviaria e di trasformarla in un vero paradiso per i turisti facoltosi. Lo slancio per questa decisione è stato che il management della società - una delle principali società immobiliari in Francia - ha visitato Ospedaletti ed è rimasto così affascinato da questo luogo che ha deciso di creare urgentemente tutto il necessario per lo svago in qualsiasi momento dell'anno. Il mese successivo, gli investitori francesi acquisirono la proprietà della maggior parte della terra che apparteneva al comune. In seguito fu avviata la costruzione di dodici nuove strade spaziose, la cui lunghezza totale era di 9430 metri. Parallelamente si stanno costruendo costosi immobili: edifici eleganti e persino maestosi: le ville Auster, Belvedere, Clotilde, Ducha, La Tour, Christie, Cirio, Rosalia. Gli investitori non hanno dimenticato gli hotel di lusso per accogliere gli ospiti facoltosi, costruendo uno dopo l'altro gli hotel Royal, Riviera, Metropol e Suiss. E infine, nel 1883, sul primo litorale sorse l'albergo "Queen Margarita" e in Corso Regina Margherita, perla degli Ospedeletti, la lussuosa villa "Sultana".

Gli investitori francesi si occuparono anche della costruzione di una strada per gli omnibus, grandi carrozze trainate da un cavallo. Su questa strada, che collegava Ospedaletti con la famosa località turistica di Sanremo, potevano guidare tutti, e non solo singoli rappresentanti della nobiltà, che divenne un altro dei suoi indiscutibili vantaggi. Aggiungiamo che fu in quegli anni, durante gli anni della grande costruzione e delle luminose speranze, che iniziò l'emergere di settori dell'economia, che in larga misura determinò il futuro del comune. Parliamo innanzitutto del turismo, che si è sviluppato rapidamente grazie agli hotel alla moda e ad un clima meraviglioso. Inoltre, gli abitanti dell'ex villaggio di pescatori iniziarono a coltivare fiori molto attivamente (in primis garofani), e lo sviluppo intensivo della floricoltura iniziò pochi anni dopo la creazione del primo mercato dei fiori del paese in Piazza della Stazione ad Ospedaletti.

E Villa Sultana? Questo straordinario monumento di storia e architettura merita di essere raccontato in modo più dettagliato. E vale la pena iniziare la storia con una descrizione dell'edificio, che, quando era un club di intrattenimento d'élite, come una calamita, attirava nelle sue sale turisti ricchi da tutto il mondo. Villa Sultana si trova su una collina nel centro di Ospedaletti, a circa 250 metri dal mare. L'edificio è immerso in un rigoglioso parco con palme e alberi ad alto fusto, distribuito su un lotto di 14.000 mq, oltre ad un giardino botanico dall'aspetto insolito. I lavori per la costruzione della villa iniziarono nel 1883 e durarono esattamente un anno. La paternità di questo capolavoro appartiene a un nativo di Nizza, l'architetto S.M. Biacini (1841-1913), assistito da Lord Jocelin di Mentone e dal Sig. Bonfante di Sanremo. Lo scenografo era il Sig. Morgari, ispettore del Museo di Belle Arti di Torino, mentre la Sig.ra Meroni, Fosati, Pavesi e Crespi si occupavano della decorazione del resto della villa. Infine, gli allori dell'organizzatore dei lavori su questo progetto sono del torinese Marmaglia. Il più famoso ricercatore dell'arte rinascimentale francese, Garnier (1825-1898), scrisse che l'architetto Biacini, lavorando al progetto della Villa Sultana, prese come base i bozzetti del Casinò di Monte Carlo, costruito secondo un proprio progetto tra il 1878 e il 1979.

In un modo o nell'altro, ma rispetto ad altri edifici in Liguria, Villa Sultana si distingue per la sua architettura unica. Nel suo aspetto saltano subito all'occhio i tratti dell'eclettismo di origine francese, tipici del Rinascimento francese. Come altri edifici realizzati in questo stile, tutto lo squisito lusso della Villa "Sultana" è direttamente correlato all'uso di elementi architettonici del Rinascimento italiano, simili nello spirito alla grande epoca di Michelangelo e da Vinci. Facciamo una breve passeggiata mentale intorno alla Villa Sultana, che ci permetterà di immaginare meglio l'aspetto esterno e la disposizione interna di questo magnifico edificio. Partendo dall'Hotel Queen Margarita, cammineremo lungo i viali del parco e ci dirigeremo dritti verso l'elegante scalinata centrale. Salendo i gradini di marmo, ci ritroveremo nell'atrio - un'enorme sala, che può essere giustamente definita il cuore dell'intero edificio. La straordinaria impressione che lascia l'atrio della Villa Sultana è in gran parte dovuta alla sua grandiosa dimensione (l'area della sala è di 100 mq) e all'insolita forma ottagonale. Un'altra curiosità dell'atrio era una finestra situata proprio nel tetto ad un'altezza di 25 metri da terra. Attraverso questa finestra, la luce del sole si riversava liberamente nell'atrio, permettendoti di goderti liberamente il cielo senza nuvole d'Italia.

Purtroppo il tetto dell'atrio, realizzato a forma di cupola anch'esso di forma ottagonale, crollò nel 1989, e oggi si può giudicare del suo antico splendore solo dalle fotografie superstiti. Dall'atrio possiamo entrare in più stanze contemporaneamente. Si tratta di un bar con una superficie di 35 mq, un corridoio di servizio di 60 metri e due ali laterali della villa, ciascuna con una superficie di circa 65 mq. A sua volta, da ciascuna ala si apre un percorso ad una galleria con una superficie di circa 180 mq e un'altezza di 9 metri. Passando nella parte sud della galleria, potremo ammirare una bella vista del portico. Si può anche percorrere la facciata principale dell'edificio, dove corre anche il sentiero che termina in prossimità di due terrazze semicircolari poste ai lati della villa. Villa Sultana è stata concepita come un casinò, il che significa che il suo centro era una sala da gioco. In seguito, dopo alcuni interventi di riqualificazione, qui venne aperto un circolo di animazione, in cui gli ospiti della Riviera, brillanti aristocratici dell'ovest e soprattutto dell'est europeo, giocavano e si divertivano, discutevano di svariati argomenti e trascorrevano del tempo serenamente sparpagliando di soldi. Inoltre qui sono stati organizzati eventi sociali, conferenze, simposi, varie cerimonie e serate musicali. Sale di intrattenimento, atmosfera amichevole, cucina deliziosa e magnifici balli, nonché l'opportunità di conoscere il pubblico più sofisticato e stabilire relazioni d'affari, hanno attirato qui i migliori ospiti del paese.

villa sultanina

Non a caso la Villa Sultana è associata alla nascita del concetto di trasferimento, organizzato per un comfort ancora maggiore dei visitatori. Immediatamente dopo l'arrivo in treno ad Ospedalleti, i nobili turisti venivano accolti proprio alla stazione dai vagoni, e successivamente dalle auto che li consegnavano al famoso luogo del divertimento. Presto, a causa della diversità delle persone benestanti che venivano qui, divenne persino necessario organizzare sale di preghiera per rappresentanti di varie religioni e fedi. In apposite sale della villa, ciascuna nella propria stanza, la rappresentazione della Chiesa evangelica tedesca, dove predicava il pastore Hartmann, la rappresentazione della Chiesa anglicana e due cappelle acattoliche. Nel 1884, anno della sua apertura, Villa Sultana ricevette la licenza di gioco rilasciata dal prefetto di Sanremo, diventando così il primo casinò in Italia.

Villa "Sultana" rimase tale fino al 1905, anno in cui la licenza fu trasferita al Casinò della città di Sanremo, tuttora operativo. Da allora, l'elegante villa ha svolto il ruolo di circolo privato benestante, ospitando ancora facoltosi gentiluomini. Ciò continuò fino all'agosto del 1914, quando lo scoppio della guerra mondiale pose fine al felice periodo rimasto nella storia sotto il nome di Belle Epoque. All'inizio della seconda guerra mondiale, la Villa Sultana, ormai chiusa da molti anni, servì da abitazione per le unità militari fino alla fine del conflitto armato e alla vittoria dell'URSS sulla Germania. Successivamente la villa ha subito una leggera ristrutturazione. Alcune modifiche hanno interessato l'architettura interna, che ha permesso di utilizzare questo edificio come residenza privata. La villa rimase residenza privata fino alla fine degli anni '50, quando subì la stessa triste sorte di molti altri monumenti del patrimonio culturale d'Italia. Il magnifico edificio, che un tempo era una vera e propria Mecca per il colore dell'aristocrazia europea, cadde gradualmente in rovina e fino ad oggi non è stato restaurato.

Offriamo agli investitori, ricchi che amano l'Italia e la sua storia, di acquistare questo Lotto. Le trattative si svolgono esclusivamente in una conversazione privata. I progetti e tutti i documenti correlati sono pronti per essere presi in considerazione.


Яндекс.Метрика