Castello di Carlo d'Angiò a Napoli

Napoli è una città che non lascia nessuno indifferente. A qualcuno non piace, per qualcuno è la città più bella del mondo.
Una città dal carattere aspro, e i castelli, di cui ce ne sono diversi, lo confermano. Oggi parlerò di uno di loro.

L'antico castello di Carlo d'Angiò, situato sulle rive del Golfo di Napoli. Una storia interessante sull'aspetto del castello: il re di Sicilia, Carlo I d'Angiò, ebbe un'idea insolita: e se la capitale del suo impero fosse stata costruita fuori dalla Sicilia, e lasciasse che fosse Napoli!

Napoli è così Napoli e in soli tre anni stanno costruendo una lussuosa residenza-castello con pretese di grandiosi piani di conquista del mondo.

Il nome non detto del castello è "Nuovo". Ma ciò che è triste, il re ha costantemente combattuto e quindi non ha visto i palazzi ricostruiti.
Poi è come nei film: un nuovo erede e nuove ricostruzioni dell'edificio, che aveva tutto: sangue, sesso, assedi e alcol.

La serie più crudele e cruenta della storia del Castello Nuovo fu l'episodio con Ferdinando I d'Aragona, che venne a sapere della congiura ordita contro di lui.
Per questo invitò gli istigatori della rivolta, che sussurravano negli angoli nella persona dei baroni più importanti, con il pretesto di celebrare le nozze di sua nipote. Ma invece di una pizza festosa, li ha trattati per l'esecuzione, nominando una delle stanze in onore di questo evento: la "Sala dei Baroni".

Ecco la storia del castello.

Яндекс.Метрика